Dicembre 2, 2022
Lee Jung-jae: “Squid Game mi ha fatto ripensare a come guardo il mondo”

Lee Jung-jae: “Squid Game mi ha fatto ripensare a come guardo il mondo”

Il dramma televisivo distopico ha reso l’attore sudcoreano globale e gli è valso un Emmy. Ora ha scritto e diretto il suo thriller d’azione di spionaggio

La sera prima del nostro incontro in una suite d’albergo nel centro di Londra, Lee Jung-jae si è seduto su un palco di un cinema del West End, scusandosi profusamente con il pubblico riunito. A un gala di apertura pieno di star del festival cinematografico dell’Asia orientale di Londra, l’ultimo progetto di Lee, Hunt, un thriller di cospirazione politica ricco di azione ambientato nella Corea degli anni ’80, era appena stato proiettato. Ma mentre la folla urlava e acclamava questo eroe sia del piccolo che del grande schermo coreano, Lee aveva qualcos’altro in mente. “C’è un sottotitolo importante che è leggermente sbagliato nel film”, si è lamentato, tramite un interprete. “Leggeva ‘Ti tengo d’occhio’, quando avrebbe dovuto essere ‘veglia su di te’. Il significato era lo stesso, ma la sfumatura non era del tutto corretta. E mi dispiace davvero».

Inutile dire che, in mezzo al flusso di esplosioni, sparatorie e misteriosi omicidi – due ore a tutto gas di colpi di scena – pochi avrebbero notato questo piccolo gioco di sottotitoli. Quindi è una testimonianza del peso della responsabilità che Lee sente nel rilasciare Hunt, un film che ha scritto, diretto e interpretato, che ha deciso di aumentare immediatamente. Nonostante 30 anni di esperienza nel settore in Corea del Sud, dove è uno degli attori più riconosciuti del paese, Lee sta facendo il suo debutto alla regia con Hunt. E con il suo ruolo da protagonista nella serie di successo di Netflix Squid Game che ha catapultato il 49enne alla celebrità globale, gli occhi del mondo sono puntati su di lui.

“Ho decenni nel settore come attore”, dice Lee, appollaiato su una poltrona con un abito grigio scuro. “Pensavo di aver capito l’industria e la produzione cinematografica prima di iniziare questo progetto. Ma si scopre che scrivere una sceneggiatura, dirigerla, produrla e prendersi cura della troupe e del cast ha aperto una dimensione completamente nuova”.

Ambientato negli anni ’80 sullo sfondo della tesa guerra fredda tra le due Coree, il film è tanto complesso quanto frenetico. Lee interpreta uno dei due capi dell’intelligence in competizione nel sud. Una volta che un disertore di alto profilo del Nord conferma che c’è una talpa tra i loro ranghi, i due uomini – e le loro squadre – hanno il compito di sradicare il topo indagando a vicenda. L’apertura ad alto numero di ottani vede un attentato alla vita del presidente sudcoreano sul suolo americano, con un altro tentativo di omicidio pianificato. Alcune sequenze sono basate su eventi storici, mentre altre sono interamente romanzate in questo dramma d’azione che non si fida di nessuno.

A Lee ci sono voluti quattro anni per realizzare il film. Ci sono state infinite riscritture alla trama e poi alla sceneggiatura, con le quali spera di indurre gli spettatori a chiedersi come e perché si formano le loro convinzioni. Inizialmente, Lee non aveva intenzione di dirigerlo. “Ho contattato vari registi per assumerlo”, spiega, “ma quando ho esposto la mia visione per il film molti hanno detto che stavo chiedendo troppo”. Ognuno, dice, aveva le proprie ragioni per rifiutare l’opportunità. “Si tratta di alcuni eventi reali della storia coreana, il che è complicato”, dice Lee, iniziando a contare una lista sulle dita. “Un altro pensiero che mantenere l’equilibrio di due personaggi principali sarebbe stato difficile.” Le sequenze d’azione erano vaste; raffigurare Washington DC, Corea (nord e sud), Thailandia e Giappone degli anni ’80 era un compito troppo grande. “Lo chiami…,” Lee sorride. “Quindi, alla fine, ho dovuto dirigerlo.

“Ho passato molto tempo a prepararmi”, si affretta ad aggiungere. “L’equipaggio era molto più esperto di me. Fin dall’inizio mi sono detto che sarei stato onesto con loro: ‘Sono nuovo e non so molto, per favore insegnamelo.'” Avrebbe tenuto riunioni infinite con ogni dipartimento e trascorreva serate e fine settimana nel profondo di sé stesso. impostare i compiti. “Ho completato sette progetti di recitazione nel tempo necessario per realizzare questo film”, dice Lee.

Lee ha forma quando si tratta di essere gettato nel profondo e non ha paura di ammettere quando sta lottando.

Nato e cresciuto a Seoul, durante la tarda adolescenza stava lavorando in un bar nel quartiere Gangnam della città, quando lo stilista Ha Yong-soo ha visto il suo potenziale come modello. “Speravo di trovare lavoro in un’azienda di interior design”, dice Lee. “Ma la modellazione è andata bene e ho continuato a essere richiamato”. Ha iniziato a essere scritturato per spot televisivi.

“E poi ho ottenuto questo spot di cioccolato che è stato un grande successo in Corea”, spiega, “che mi ha portato a essere scelto per uno show televisivo chiamato Feelings”. Quasi da un giorno all’altro, Lee è diventato un nome familiare. Nel 1994, ha recitato nel film drammatico sul grande schermo The Young Man, interpretando un modello maschile manipolatore. “Ma ero totalmente impreparato a fare l’attore”, dice, “buttato sul set a capofitto senza avere idea di come farlo. Non è stato divertente. È stata un’esperienza orribile per me, ed ero terrorizzata. Ho capito che dovevo studiare il mestiere. Così sono andato all’università, ho preso la laurea e poi un master. Ogni volta che avevo tempo, lavoravo con un insegnante di recitazione. Avevo bisogno di imparare correttamente”.

Nei tre decenni successivi, la carriera di Lee si è sviluppata attraverso i generi. C’erano commedie e drammi, rapine e storie d’amore; molti hanno raggiunto il pubblico internazionale. Poi, a settembre 2021, Squid Game è stato rilasciato su Netflix ed è diventato immediatamente una supernova. Dopo una serie di concorrenti che gareggiavano in una serie di riff mortali su giochi per bambini per un enorme premio in denaro, il thriller horror si è rivelato tanto distopico quanto allarmantemente credibile. Ancora una volta, quasi da un giorno all’altro, la carriera di Lee è cambiata, questa volta da tesoro nazionale a sensazione internazionale.

“Ne sono felice, ovviamente”, dice del successo dello show, “ma è agrodolce. Sì, è fantastico che il pubblico stia consumando contenuti coreani in tutto il mondo. E lo apprezzano. Ma se pensi ai temi di Squid Game, fino a che punto siamo disposti ad andare per accumulare ricchezza personale; le lunghezze a cui le persone sono costrette ad andare – il fatto che abbia risuonato con così tanti in tutto il mondo è preoccupante. Hai la sensazione che questa sia la realtà per così tante persone a livello globale. E questo mi fa sentire estremamente triste”.

Squid Game crea dipendenza. Ci sono alti valori di produzione e recitazione impeccabile, sì, ma è l’esplorazione dei limiti a cui l’umanità può essere spinta ad essere quella che più colpisce. “E abbiamo dovuto esprimere le esperienze di questi personaggi spinti a quegli estremi”, spiega Lee. “Facendo questo? È stato terribile. Più bello era il set del gioco, e più sembrava infantile e divertente, più orribile era per i personaggi, e quindi per noi attori”.

Lo spettacolo ha cambiato la sua vita in senso professionale, ma ha anche lasciato un segno più personale sulla sua star. “Penso a cosa è successo in quello spettacolo”, dice. “Impossibile non farlo. E mi ha fatto pensare a cosa non sto facendo. Molti di noi vivono ignari. Mi ha fatto ripensare a come guardo il mondo. Non poteva non.

Nel settembre di quest’anno, Lee ha fatto la storia. Al Microsoft Theatre di Los Angeles, ha vinto l’Emmy come eccezionale attore protagonista in una serie drammatica. Era la prima volta che il premio andava a un attore in uno spettacolo non in lingua inglese; Lee è stato anche il primo uomo asiatico a vincerlo. “Il mondo si sta muovendo a stretto contatto”, dice della sua vittoria. “Stiamo assistendo a un aumento degli scambi tra paesi e a una maggiore comprensione. E ci siamo resi conto che nell’arte e nella cultura, la lingua non deve essere la prima priorità”. Storicamente, gli attori che non parlano inglese come prima lingua hanno cambiato lingua per essere riconosciuti a Hollywood. Lee sta dimostrando che non è più necessario. Il suo casting nella prossima serie di Star Wars The Acolyte è un’ulteriore prova che, in tutto il mondo, è ora una figura di spicco della cultura coreana.

“Certo che sento pressione”, dice, “un senso di responsabilità. Ma se fossi stato più giovane quando è successo, avrei pensato: “Wow, ho bisogno di lavorare di più e impressionare le persone”. Ma ora è più una realizzazione di ciò che la cultura coreana può ottenere. Alcuni grandi drammi coreani potrebbero ora salire sulla scena mondiale. È eccitante.

È un momento coraggioso, quindi, per fare un debutto alla regia.

Soprattutto con un film così ambizioso, in termini di ideazione e consegna. Lo farebbe di nuovo? Lee si prende un minuto per pensare. “Lasciatemi dire”, dice, ridendo ora, “non sarebbe mai stato facile fare un film ricco di azione in cui recito e dirigo di nuovo allo stesso tempo. Molto probabilmente un altro genere”. Anche per un innestatore come Lee, si scopre che essere contemporaneamente davanti e dietro la telecamera per calci piazzati esplosivi è probabilmente un’esperienza unica.