Dicembre 2, 2022
“Elliott Erwitt” e “Chiostro in Fiera” al Diocesano di Milano

“Elliott Erwitt” e “Chiostro in Fiera” al Diocesano di Milano

In mostra 100 scatti del Maestro del Novecento, da quelli in bianco e nero a quelli, meno conosciuti, a colori

E’ dedicata al fotografo “Elliott Erwitt” la mostra al Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano a cura di Biba Giacchetti. 100 scatti del Maestro del Novecento, da quelli in bianco e nero a quelli, meno conosciuti, a colori che Erwitt utilizzò per i lavori editoriali e pubblicitari, dalla politica al sociale, dall’architettura al cinema e alla moda.

Nato a Parigi nel 1928 da genitori ebrei fuggiti dalla rivoluzione russa, Elio Erwitz – questo il suo vero nome– cresce in Italia, Francia e Germania per approdare giovanissimo a New York dove vive ancora oggi.

Dog e celebrity

Ecco le celebri foto dei cani scattate con una Rolleiflex utilizzando il mirino che permette di guardare dall’alto «Volevo prendermi la briga di vedere le cose dal loro punto di vista». Che Erwitt sia il fotografo della leggerezza e dell’ironia è un luogo comune da sfatare. La sua carriera ha attraversato 70 anni di cambiamenti, sociali e politici; le sue fotografie raccontano alcuni dei momenti più rilevanti della storia moderna. Ho fotografato John F. Kennedy alla Casa Bianca, Che Guevara a Cuba e Nixon a Mosca. Ha lavorato con Marilyn Monroe, era presente al fidanzamento di Grace Kelly.

Città, bambini, denunce

Erwitt ha narrato Parigi in bianco e nero, fra nebbie sospese e innamorati evanescenti, Roma fra stupori e rovine, Madrid, New York; tante le campagne pubblicitarie con la stessa idea di “cogliere l’attimo”. I bambini sono un soggetto continuo: Colorado 1955, un bimbo osserva il fotografo da un finestrino rotto di una veccia auto; a Pittsburgh un altro ride e si punta alle tempie una pistola giocattolo. Indimenticabili le fotografie denuncia come quella scattata nel 1950 in North Carolina: un afroamericano beve a un lavandino sopra vi è scritto “colored”, in quello a fianco “white”, la discriminazione domina. Un’immagine potente, Jackie Kennedy al funerale del marito, lo sguardo disperato dietro la veletta, le lacrime; in un angolo della foto Robert Kennedy sembra scomparire davanti al dolore della cognata.

Fino al 9 ottobre al Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano con la XXIV edizione “Chiostro in fiera”, mostra mercato di alto artigianato, l’ingresso alla mostra di Erwitt è gratuito. “Chiostro in fiera” è nata col fine di raccogliere fondi da destinare al finanziamento e allo sviluppo dei progetti culturali e didattici del Museo. Quest’anno saranno protagonisti i tessuti. Tra le novità, la presenza di un’artigiana della cultura giapponese.

“Elliott Erwitt”. Per i quattro giorni di Chiostro in Fiera, pagando solo biglietto d’ingresso al Museo (intero: €8,00; ridotto: €6,00) si accede anche alla mostra. Milano, Museo Diocesano, Carlo Maria Martini